NEWS - Pagina 3
PUBBLICATE LE PRIME 6 GUIDE ALLE CHIESE DELL’ALTA VALLE BREMBANA

Per iniziativa del Centro Storico Culturale sono state pubblicate le prime sei guide alle chiese dell’Alta Valle Brembana relative agli edifici sacri di Valtorta, Ornica, Santa Brigida, Cusio, Piazza Brembana e Lenna. La redazione dei testi, il corredo iconografico e il coordinamento editoriale sono stati curati dal Centro Storico e in particolare dal prof. Giacomo Calvi, componente del Consiglio Direttivo, mentre le spese di stampa degli opuscoli sono state sostenute dalle rispettive parrocchie. Per ogni guida sono stati presi in considerazione i principali edifici sacri: per Valtorta, la chiesa parrocchiale e l’oratorio di Sant’Antonio abate alla Torre; per Ornica, la parrocchiale e il santuario della Madonna del Frassino; per Santa Brigida, la parrocchiale e l’antica chiesa di Santa Brigida, matrice della Valle Averara; per Cusio, la chiesa parrocchiale; per Piazza Brembana, la chiesa di San Bernardo (esiste già una guida della parrocchiale di San Martino); per Lenna il santuario della Madonna della Coltura. Il testo, distribuito su un pieghevole di dodici facciate, illustra gli aspetti storici salienti dei vari edifici e descrive analiticamente l’apparato decorativo e pittorico e i principali arredi sacri.






Escursione alle incisioni rupestri di Carona

Con la collaborazione del Museo Archeologico di Bergamo e del comune di Carona, il Centro Storico Culturale Valle Brembana ha organizzato lo scorso 9 luglio una interessante escursione alla scoperta delle incisioni rupestri dell'Armentarga e della Val Camisana, sotto il Pizzo del Diavolo. Il gruppo si è dato appuntamento al rifugio Longo e, accompagnato dall'archeologa Dott.ssa Giovanna Bellandi, ha superato il passo Selletta (2.372 mt) per poi ridiscendere il pendio fino alla zona delle torbiere e ai principali massi riportanti testimonianze scritte in diverse epoche storiche. Si tratta di centinaia di incisioni di grande interesse: figure maschili e femminili, figure antropomorfi e di animali, elementi simbolici come nodi di Salomone, croci e stelle a cinque punte, particolari sistemi e scale di conteggio, autografi, date e antiche iscrizioni. Una pagina di estrema importanza della storia della nostra valle che vale senz'altro la pena di visitare. Il paesaggio e la natura che ne fanno da contorno contribuiscono a rendere ancor più affascinante la scoperta di questo museo a cielo aperto, che in un lontano passato dev'esser stato un importante crocevia di popoli di diversa provenienza.



L'archeologa illustra storia e segreti delle varie incisioni



CONCORSO PER TESINE DI MATURITA' SULLA VALLE BREMBANA (clicca QUI)

Il Centro Storico Culturale della Valle Brembana “Felice Riceputi, allo scopo di promuovere la conoscenza della storia e della cultura locale, propone agli studenti che sosterranno l’Esame di Stato nel corrente anno scolastico di dedicare il loro percorso individuale o tesi ad aspetti tipici della VALLE BREMBANA. Gli elaborati, svolti preferibilmente in forma multi-disciplinare, potranno prendere in considerazione aspetti della Valle Brembana, della sua gente e della sua realtà storica, culturale, religiosa, sociale, scientifica, tecnologica, economica, architettonica, artistica e ambientale e potranno essere svolti con qualsiasi tecnica espressiva. Le tesine vanno recapitate al Centro Storico Culturale entro il 31 luglio 2011. Scarica il bando.




Il programma delle prossime iniziative del Centro Storico-Culturale

Si è tenuta nella mattinata di domenica 8 maggio, presso l'Ostello dei Tasso di Camerata Cornello, l'Assembleala dei soci del Centro Storico-Culturale. All'ordine del giorno, oltre all'approvazione del bilancio economico e ad un riepilogo delle iniziative tenutesi durante il primo quadrimestre del 2011, vi è stata anche la presentazione delle attività programmate per i prossimi mesi:

- Visita guidata alle incisioni rupestri della Val Camisana (Carona) con la collaborazione del Museo Archeologico di Bergamo (luglio)
- Revisione e aggiornamento testuale e iconografico dei due libri di Felice Riceputi sulla Storia della Valle Brembana. I due libri saranno presentati a fine luglio con la collaborazione del Comune di Valtorta
- Mostre fotografiche curate dal gruppo "Fotografi Brembani" (luglio-agosto)
- Redazione e stampa degli opuscoli illustrativi sulle chiese dell’Alta Valle Brembana (luglio-ottobre)
- Mostre delle pubblicazioni brembane (estate)
- Collaborazione culturale alla manifestazione Fungolandia (inizio settembre)
- Pomeriggio di poesia e musica (settembre)
- Organizzazione del “San Pellegrino Festival di Poesia per e dei bambini” (settembre-dicembre)
- Conferenze e convegni di cultura locale (settembre-novembre)
- Presentazione dell’edizione 2011 dell’Annuario "Quaderni Brembani" (fine novembre)
- Rassegna di artisti brembani contemporanei (dicembre)
- Avvio della collaborazione con la Stazione ornitologica scientifica della Passata di Zogno


Due momenti della riunione dei soci tenutasi lo scorso 8 maggio a Camerata Cornello






Il Centro Storico alla Fiera del Libro e il 150° anniversario dell’Unità d’Italia

Su invito dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Bergamo il Centro Storico Culturale Valle Brembana “Felice Riceputi”, assieme ad altri Centri Studi Bergamaschi, ha presenziato alla 52a Fiera del Libro che si è tenuta a Bergamo dal 22 aprile al 1° maggio. La partecipazione del Centro Storico non si è limitata solamente all’esposizione dei volumi pubblicati dall’associazione e da altri autori brembani, ma anche ad una conferenza dal titolo “Tradizioni, gente e paesi. La cultura del territorio attraverso l’opera dei Centri Storico-Culturali” svoltasi lo scorso sabato 30 aprile presso lo Spazio Incontri della Fiera. Durante l’occasione, i canti delle Donne alla Fontana si sono alternati alle presentazioni dei vari centri: il Centro Studi Valle Imagna, l’Archivio Storico Bergamasco, Promoisola, il Centro Studi Valle San Martino e il Centro Storico Culturale Valle Brembana. Con la presenza congiunta delle associazioni culturali si è voluta sottolineare l’importanza della ricerca storica locale, l’impegno di numerosi studiosi e ricercatori, la diffusione di opere, riviste e quaderni dedicati alla storia, alla cultura e alle tradizioni bergamasche.


L'esposizione di libri dei Centri Studi Bergamaschi
alla Fiera del Libro

La presentazione del Centro Storico Culturale Valle Brembana e le Donne alla Fontana


Con la presenza alla Fiera del Libro di Bergamo si chiude il primo quadrimestre di attività del Centro Storico Culturale Valle Brembana che ha visto svolgersi, fra altre manifestazioni, l’interessante serie di conferenze relative al 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Gli incontri, organizzati con la collaborazione del Museo della Valle di Zogno, del Lions Club Valle Brembana, del Comune di San Pellegrino Terme e della Biblioteca Comunale di Vedeseta, hanno trattato gli aspetti storico-culturali più significativi della vicenda risorgimentale con specifici riferimenti al ruolo svolto da Bergamo e dalla Valle Brembana.

Il 15 aprile, infine, si è svolta presso la Biblioteca di Zogno una serata di poesia sul tema "Al chiaror d’una lanterna", organizzata dal Centro e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Zogno.




A SAN GIOVANNI BIANCO LA NUOVA COLLETTIVA DEGLI ARTISTI BREMBANI

E' tornata a San Giovanni Bianco, nella sede di "Casa Ceresa", la collettiva degli Artisti brembani contemporanei, un'esposizione che riunisce le opere di oltre novanta fra pittori e scultori nativi o residenti in Valle Brembana. L'inaugurazione della mostra, che durerà fino al prossimo 6 gennaio, è avvenuta domenica 19 dicembre ed è stata presieduta dal presidente del Centro Storico Culturale Prof. Tarcisio Bottani, con l'intervento dell'Assessore alla Cultura della Provincia di Bergamo, Dott. Giovanni Milesi, e del Parroco di San Giovanni Bianco, Don Luigi Manenti. Per sottolineare l'importanza culturale dell'iniziativa è stata predisposta la stampa di un catalogo con tutte le opere raccolte, opere per le quali non sono stati previsti vincoli di soggetto, di tecnica o di misura, proprio per non fissare alcun limite alla creatività.






GRANDE SUCCESSO FESTIVAL DI POESIA PER E DEI BAMBINI

Non meno di 400 persone hanno partecipato alla serata finale del “Sanpellegrino Festival Nazionale di Poesia per e dei bambini” che si è svolta sabato 4 dicembre nel teatro dell’Oratorio di San Pellegrino Terme. Promosso dal Comune di San Pellegrino e organizzato dal Centro Storico Culturale con il coordinamento del prof. Bonaventura Foppolo, il Festival ha coinvolto più di 2.000 alunni della scuola primaria e secondaria di 1° grado, provenienti da 31 località diverse, principalmente della provincia di Bergamo, ma anche da altre parti d’Italia. Gli alunni hanno presentato ben 577 poesie scritte individualmente e 200 di gruppo o di classe. Questo significa che il Festival ha messo in moto un lavoro didattico straordinario con tante classi e tanti docenti che si sono mobilitati per settimane sul tema della poesia. Gli adulti partecipanti sono stati 64, con oltre 100 poesie in italiano e in lingua locale. La loro provenienza è ancora più varia e distribuita su 50 località di tutta Italia, da Nord a Sud. Ospite della manifestazione è stato il poeta Pietro Formentini, assai apprezzato per la sua vicinanza ai bambini nell’uso del linguaggio poetico e la sua capacità di comunicare con loro in questa lingua speciale che è la poesia. Tra novembre e dicembre Formentini ha incontrato circa 700 alunni, ai quali ha letto e reinventato con loro le sue poesie: in questi suoi incontri è stato per i bambini e i ragazzi un maestro del “fare poesia” con le parole e con il colore della voce, è stata una guida nel giardino della fantasia. Per ulteriori informazioni sui vincitori, per leggere le loro poesie e visitare la galleria fotografica, clicca QUI




Presentazione dei Quaderni Brembani 9

Lo scorso sabato 20 novembre si è tenuta presso il Museo della Valle di Zogno la presentazione dei Quaderni Brembani 9, una edizione che quest'anno risulta particolarmente consistente, essendo oltre cinquanta i contributi pervenuti dai soci del Centro Storico Culturale Valle Brembana. Fra gli argomenti trattati, che come sempre spaziano dall'arte alla religione, dalla storia alle tradizioni locali, si segnala in particolar modo l'articolo dedicato alle incisioni rupestri di Carona, tema che supera ormai l'ambito della storia locale e si pone autorevolmente a livello più generale in grado di dare un ulteriore contributo alla conoscenza delle origini alpini e delle civiltà preromane. Durante l'incontro, al quale hanno partecipato oltre ottanta soci, il presidente Tarcisio Bottani ha premiato le tesi di maturità sulla Valle Brembana presentate dagli studenti Ludovico Monaci, Laura Tassis, Alice Milesi, Daniela Arrigoni, Sara Magoni e Davide Gamba. Una specifica sezione dell'Annuario è stata inoltre dedicata ad alcune interessanti tesi di laurea riguardanti la valle, a complemento della consueta rubrica "Scaffale Brembano", che anche quest'anno annovera una trentina di recensioni di opere di argomento vallare o scritte dai soci del Centro.






Il Centro Storico Culturale organizza il Premio Nazionale di Poesia San Pellegrino Terme

Su incarico del Comune di San Pellegrino Terme, il Centro Storico Culturale Valle Brembana "Felice Riceputi" organizza l'edizione di quest'anno del Premio Nazionale di Poesia che quest'anno avrà per titolo Festival Nazionale di Poesia per&dei bambini. Il Premio intende promuovere occasioni nelle quali si possano esprimere la fantasia e l’allegria dei bambini e dei grandi, attraverso la lettura e la composizione di poesie, rime e filastrocche destinate ad un pubblico infantile. Sono invitati a partecipare, guidati dai loro insegnanti, i bambini dai 7 ai 12 anni che frequentano le scuole primarie e secondarie di primo grado e gli adulti che amano leggere e comporre poesie. Parteciperà inoltre, come ospite speciale, Pietro Formentini, autore di libri di poesie per bambini. Nella fase preparatoria, la segreteria del festival organizzerà per i bambini e i docenti di alcune scuole selezionate dei laboratori didattici e ateliers creativi che potranno dare un supporto alla didattica. I genitori, i nonni e tutti gli adulti, in appositi incontri, avranno l’occasione di arricchire la loro conoscenza di rime e filastrocche e di imparare a giocare con la fantasia dei loro bambini. Il poeta ospite incontrerà in momenti diversi le classi e gli adulti per proporre le proprie poesie e ascoltare quelle in concorso di bambini e adulti.

Il Festival Nazionale di Poesia per&dei bambini si articolerà nelle seguenti fasi:
- Settembre: svolgimento di un corso di aggiornamento per i docenti delle scuole che sono state designate come giuria popolare.
- Settembre-ottobre: svolgimento dei laboratori didattici nelle classi selezionate e lettura delle poesie in concorso.
- Ottobre: laboratori di poesia per gli adulti.
- Novembre: incontro delle classi con il poeta ospite del festival.
- Entro sabato 30 ottobre: consegna poesie degli adulti.
- Entro sabato 13 novembre: consegna poesie bambini.
- Venerdì 3 dicembre ore 16.00: apertura festival e spettacolo di inizio.
- Da venerdì 3 a sabato 4 dicembre: mostra-mercato dei libri di poesie per bambini.
- Venerdì 3 dicembre ore 20: cena con l’autore ospite e lettura delle poesie degli adulti in concorso.
- Sabato 4 dicembre: conclusione del Festival e premiazioni.
Le manifestazioni del 3 e 4 dicembre si svolgeranno presso l'Oratorio di San Pellegrino Terme.

www.culturabrembana.com/sanpellegrinofestival/




Il Centro Storico Culturale Valle Brembana intitolato a Felice Riceputi

L'Assemblea Ordinaria annuale del Centro Storico Culturale Valle Brembana, svoltasi a San Giovanni Bianco il 10 aprile 2010, accogliendo la proposta avanzata in tal senso dal Consiglio Direttivo, ha deliberato l'intitolazione del Centro al prof. Felice Riceputi, in considerazione del fatto che lo scomparso presidente fu l’ideatore e il promotore dell'Associazione, che lui stesso fondò con un gruppo di amici, ricoprendo la carica di presidente fin dalla fondazione e perseguendo con passione e competenza gli scopi associativi fino alla prematura scomparsa.




Manifattura di Valle Brembana: cento anni di storia in un libro 1907-2007

Cento anni sono passati dalla fondazione della Manifattura di Valle Brembana di Zogno, un piccolo mondo imprenditoriale che ha conosciuto successi, sconfitte, crisi più o meno lunghe e rinascite impetuose. Un’azienda che è sorta tra i fasti della belle époque brembana e la cui storia si è intrecciata con i grandi eventi d’Italia e del mondo, dalle guerre al fascismo, dalle crisi ai “miracoli” economici e alla globalizzazione. Questa importante realtà, in occasione del suo centesimo anniversario, ci è stata sapientemente raccontata dal compianto Prof. Felice Riceputi attraverso una ricca documentazione storica e iconografica raccolta nel suo ultimo libro “Manifattura di Valle Brembana 1907-2007: cent’anni di storia”. Il libro, pubblicato dal Centro Storico Culturale Valle Brembana con il contributo della Manifattura di Valle Brembana, è stato presentato lo scorso 26 marzo presso il Teatro Trieste di Zogno alla presenza delle autorità locali, dei dirigenti, degli impiegati e degli operai della Manifattura, di gente e di cittadini zognesi che hanno vissuto e conosciuto questa piccola ma importante vicenda economica della nostra valle, nonché le varie generazioni della famiglia Polli che l’hanno portata avanti nel tempo e con successo. Ad introdurre la serata la Dott.ssa Simona Gentili, dipendente della MVB e vice-presidente del Centro Storico Culturale, che ha poi lasciato la parola al sindaco di Zogno Giuliano Ghisalberti, al Prof. Tarcisio Bottani e, in chiusura, al consigliere delegato della MVB Dott. Massimo Trabattoni.

La Dott.ssa Simona Gentili, il Dott. Massimo Trabattoni e il Prof. Tarcisio Bottani





Una serata all'insegna della poesia e della musica

Si è tenuta lo scorso venerdì 5 marzo presso la sala polifunzionale "Vittorio Polli" di Zogno. La manifestazione, organizzata dal Centro Storico Culturale Valle Brembana in collaborazione con il Comune di Zogno, è stata seguita con interesse e partecipazione da un pubblico di oltre cento persone, fra le quali vi erano i poeti aderenti al Centro e quelli residenti a Zogno. In apertura, l'assessore all'Istruzione e alla Cultura di Zogno, Angelo Curnis, ha voluto sottolineare il rapporto di reciproca collaborazione che si è instaurato e consolidato con il nostro Centro culturale da quando il Comune ha offerto i locali per la sede, presso Villa Belotti. Un sodalizio che era nato ai tempi della presidenza di Felice Riceputi, al quale è stato reso omaggio con la lettura della sua poesia "La Piazza", pubblicata di recente sui Quaderni Brembani 8. La presentazione è poi proseguita con la lettura, in italiano o in dialetto bergamasco, delle poesie e delle composizioni dei vari poeti presenti in sala, gran parte delle quali scandite dall'autorevole voce della professoressa Aide Bosio di San Pellegrino ed altre ancora proposte dagli stessi autori. Eleonora Arizzi di Lenna, Elena Belotti di San Giovanni Bianco, Bortolo Boni di San Giovanni Bianco, Flavio Burgarella di Zogno, Pierluigi Ghisalberti di Zogno, Mario Giupponi di San Giovanni Bianco, Gianbattista Gozzi di San Giovanni Bianco, Adriano Gualtieri di San Pellegrino, Walter Minossi di San Pellegrino, Giosuè Paninforni di Zogno, Alessandro Pellegrini di Brembilla, Marco Pesenti di Zogno, Matteo Ghisalberti di Zogno e il parroco emerito di Zogno don Giulio Gabanelli. Questi i nomi dei poeti brembani intervenuti alla serata di Zogno; ma come afferma il presidente del centro culturale Tarcisio Bottani "siamo convinti che ce ne siano altri in Valle e saremo lieti di ospitarli e di far conoscere le loro opere durante le prossime manifestazioni". Letture talvolta commoventi, e letture che hanno fatto anche sorridere, per quell'unione di ironia e dialetto che risulta essere sempre un nesso vincente all'interno della tradizione culturale vallare. Così come l'unione fra la musica e il dialetto, con i brani musicali del cantautore Bruno Reffo, che durante la serata ha proposto alcuni pezzi del suo ricco repertorio con la chitarra.

La prof. Aide Bosio
Il pubblico presente in sala con, in prima fila, alcuni poeti brembani


La rassegna dei poeti brembani si è conclusa con il ricordo di Vittorio Polli, poeta e scrittore zognese, grande animatore della cultura e delle tradizioni brembane, a cui si deve fra l'altro la fondazione del "Museo della Valle" di Zogno. Un omaggio dovuto e, infine, l'augurio di proseguire al recupero delle nostre tradizioni popolari e alla valorizzazione degli autori locali.





Tre serate sulla Valle Brembana: tra cultura e montagna la rivalorizzazione di un patrimonio inconsiderato

Il binomio “cultura e montagna” è stato al centro di tre interessanti incontri che il Centro storico culturale della Valle Brembana e il Cai della sezione di Piazza Brembana hanno organizzato nel mese di febbraio. Le tre serate culturali, che si sono tenute presso la Sala Polivalente della biblioteca di Piazza Brembana, hanno avuto come filo conduttore la Valle Brembana e hanno riscosso notevole partecipazione da parte del pubblico. Con questa iniziativa si è voluto richiamare l’attenzione su quelle attività che un tempo erano alla base dell’economia della Valle Brembana, quali i boschi e gli alpeggi, e che ora hanno invece una rilevanza trascurabile.


Gli autori delle sei tesi sulla Valle Brembana presetate nella prima serata.
Le fotografie delle tre serate sono del nostro socio Mario Lazzaroni
Ad aprire il ciclo dei tre incontri, la serata del 5 febbraio, vi è stata la presentazione di cinque interessanti tesi di laurea e di una tesi di maturità, discusse nel 2009, che trattano aspetti specifici della Valle Brembana.

Questi lavori sono il frutto di attente e approfondite ricerche da parte dei giovani, che solitamente rimangono circoscritti all’ambito accademico. Giusto dunque dare spazio anche e soprattutto a loro, che hanno dimostrato in primo luogo di amare la loro terra e poi di volerla conoscere a fondo, dando così il loro contributo di idee per la soluzione dei problemi di cui soffre.

Ecco l’elenco delle tesi di laurea discusse durante la serata: Eleonora Arizzi: "Comprensione e utilizzo del dialetto bergamasco tra i giovani di Lenna"; Michela Lazzarini: "Strada Priula e valle del Brembo: la riscoperta di un itinerario storico come fattore di sviluppo locale"; Giada Pellegrini: "L’emigrazione bergamasca in Francia tra le due guerre"; Francesca Centurioni: "Prospettive del turismo in Valle Brembana"; Andrea Carminati: "La valorizzazione culturale e turistica delle destinazioni: San Pellegrino Terme e la Bergamasca”. A chiusura, la tesi di maturità di Marta Midali: "L'ardesia un dono della montagna alle sue genti".


La seconda serata, tenutasi il 12 febbraio, ha avuto come tema “I boschi nell’economia della Valle di ieri e di oggi”. Si e’ parlato e discusso dell’importanza che i boschi hanno avuto nei secoli passati, della gestione collettiva, delle proprietà boschive comunali, delle norme che ne regolavano lo sfruttamento e delle severe punizioni previste per chi danneggiava questo importante patrimonio comune.

Sono state inoltre illustrate le attività tradizionali legate alla gestione del bosco: i diritti di uso civico; il taglio e il trasporto del legname mediante le antiche pratiche della enda, della soenda e della flottazione lungo il Brembo; la produzione del carbone con il poiàt e del suo utilizzo per alimentare i forni e le fucine della Valle, attività base dell’economia brembana. Con l’aiuto di Bonomi (borelèr), si è esaminato lo stato attuale dei nostri boschi e le ipotesi per la loro conservazione e valorizzazione. La serata, coordinata da Gianni Molinari, presidente del C.A.I. Alta Valle Brembana, è stata introdotta da una serie di splendide immagini dei nostri boschi, proposte dai Fotografi Brembani.
Gianni Molinari con due borelèr ospiti della serata dedicata ai boschi.


Anche il terzo ed ultimo incontro del 19 febbraio, al quale è intervenuto anche il presidente della Comunità Montana dott. Alberto Mazzoleni, è stato introdotto dalle immagini dei Fotografi Brembani. La serata è poi stata aperta da Gianni Molinari, che ha inquadrato gli alpeggi sotto i vari punti di vista (ambientale, strutturale, economico e antropico), è proseguita con alcuni riferimenti storici proposti da Tarcisio Bottani e con le apprezzate testimonianze di due alpeggiatori in attività: Donato Goglio e Roberto Cattaneo, che hanno illustrato la vita in alpeggio con i suoi aspetti tradizionali e con quelli più innovativi.

A seguire la presentazione della tesi di laurea specialistica della dott.ssa Marta Torriani, che ha formulato interessanti proposte di valorizzazione integrata degli alpeggi e delle baite di montagna in relazione all’accresciuta domanda di turismo naturalistico. Tra gli intervenuti al dibattito finale, Enzo Salvini, che ha opportunamente puntualizzato alcuni aspetti non toccati dagli interventi precedenti. L’auspicio è che da queste serate siano emersi stimoli per una maggiore attenzione, anche da parte degli amministratori pubblici, verso questo patrimonio che è stato per secoli alla base dell’economia brembana.


Tarcisio Bottani e l'alpeggiatore Donato Goglio.
Marta Torriani autrice della tesi sulla valorizzazione degli alpeggi.






Emozioni fra Sogno e Realtà", 90 artisti in mostra a Piazza Brembana

Si è aperta sabato 19 dicembre, presso la Sala Polivalente della Biblioteca di Piazza Brembana, l’esposizione di pittori e scultori brembani organizzata dal Centro Storico Culturale Valle Brembana in collaborazione con la biblioteca locale.

All’inaugurazione sono intervenuti, oltre al presidente Prof. Tarcisio Bottani, la coordinatrice dell’iniziativa Nunzia Busi, il Sindaco di Piazza Brembana Geremia Arizzi e l’Assessore alla Cultura Michele Iagulli, i quali hanno in particolar modo ricordato quanto la nostra valle sia da sempre stata terra di grandi pittori e scultori.

Novanta sono gli artisti esposti, nati o residenti o comunque legati alla Valle Brembana, differenti gli stili e le tematiche, opere fra realismo e astrattismo che hanno dato alla mostra un titolo più che appropriato: "Emozioni fra Sogno e Realtà". La mostra, che potrà essere visitata fino al 6 gennaio, è aperta tutti i giorni dalle ore 16 alle 19 (i festivi anche la mattina dalle 10 alle 12).






Presentati i Quaderni Brembani 8 nel ricordo del Prof. Felice Riceputi

La presentazione del nuovo numero dei Quaderni Brembani, tenutasi lo scorso 5 dicembre presso la sala conferenze dell'Hotel Bigio di San Pellegrino, è stata dedicata al ricordo dell'ex presidente, nonchè fondatore del Centro Storico Culturale Valle Brembana, Prof. Felice Riceputi. Ad aprire l'incontro un commovente brano musicale proposto dalla sorella Anna, alla quale è stata inoltre donata una targa in memoria del caro e compianto fratello. Una figura storica, culturale e umana, degnamente celebrata nel ricordo di quanti lo hanno conosciuto e, in particolar modo, di tutte quelle persone che per anni lo hanno affiancato nella sua vivace e laboriosa esperienza scolastica, culturale e sociale.


Oltre alla sorella Anna, sono intervenuti Mons. Giulio Gabanelli, il presidente della Comunità Montana Valle Brembana Alberto Mazzoleni, il segretario dello SPI CGIL di Bergamo Gianni Peracchi, l'ex sindaco di Carona Tarcisio Migliorini, la direttrice del Civico Museo Archeologico di Bergamo Stefania Casini, l'assessore alla cultura Carlo Saffioti, Sergio Tiraboschi, Orazio Amboni, Gianbattista Galizzi, Gervasio Curnis, Giuseppe Giupponi, Mino Calvi e altri ancora.

Testimonianze d'affetto e di profonda stima che si vanno ad aggiungere a quelle contenute nella nuova edizione dei Quaderni Brembani, che anche quest'anno ha riproposto la solida e vincente tradizione, avviata otto anni or sono proprio dal Prof. Riceputi, di raccogliere scritti, saggi, ricerche e poesie inerenti alla nostra valle.

Fra i numerosi e interessanti contributi, vi è la trascrizione di una preziosa pergamena del '600 donata al nostro Centro, curata da Mara Milesi, un meritato ricordo al socio Renato Amaglio, scomparso lo scorso gennaio, a cura di Bernardino Luiselli, nonchè vari temi e saggi di interesse vallare: "Le incisioni rupestri in Val Mora", di Nevio Basezzi; "La Riforma Protestante in Valle Brembana", di Ermanno Arrigoni; "Osservazioni su un antico stemma rinvenuto a San Giovanni Bianco", di Giuseppe Pesenti; "I 250 anni della nascita del pittore Marco Gozzi", di Tarcisio Bottani; "Un ministro brembano con il pallino delle bocce" di Ivano Sonzogni.

A chiudere il volume, il consueto appuntamento con lo "Scaffale Brembano", la rubrica dedicata ai libri sulla valle pubblicati durante l'anno.

RETTIFICA
Nell'intestazione e nell'introduzione al testo "L'Annunciata di Spino", pubblicato su Quaderni Brembani 8, è stato indicato come autore Carlo Traini. In realtà, la bella leggenda è di Pasino Locatelli, un autore bergamasco dell'Ottocento (1822-1894), mentre Carlo Traini ha curato la trascrizione dattiloscritta del manoscritto originale, includendola poi in un faldone del proprio archivio, nel quale la nostra redazione l'ha rinvenuta. Verosimilmente il racconto del Locatelli, compreso nella sua opera "Bergamaschi illustri", costituì per il Traini la fonte dell'analoga sua narrazione in "Superstizioni e leggende bergamasche'"(1948). Ci scusiamo del disguido, peraltro comprensibile, con i soci e con i lettori.






Presentato il cofanetto "Musica e Musicisti in Valle Brembana"




Il mondo musicale brembano di ieri e di oggi celebrato in una doppia pubblicazione dal titolo "Musica e musicisti in Valle Brembana". I due volumi, riuniti in un elegante cofanetto, curato dal Centro storico culturale Valle Brembana, sono stati presentati al pubblico lo scorso venerdì 30 ottobre presso il teatro dell'oratorio di San Giovanni Bianco. Fra intervalli musicali proposti dalla Junior Band di San Giovanni Bianco, diretta da Peter Zani, e dal Coro degli Angeli di San Pellegrino, diretto da Lorenzo Tassi, gli storici Bernardino Luiselli e Arrigo Arrigoni, curatori della prefazione, hanno illustrato l'interessante iniziativa e reso omaggio a colui che per primo si occupò di tracciare una panoramica delle associazioni bandistiche e musicali della nostra valle: il prof. Carlo Traini. Uno dei due volumi proposti è infatti la ristampa del suo prezioso libro, pubblicato nel 1948 e ormai introvabile, che ripercorre la storia del mondo musicale brembano della prima metà del Novecento. Il secondo volume è dedicato invece alle associazioni in attività, bande, corali, cori e gruppi folcloristici, una realtà organizzativa e culturale che in Valle Brembana risulta ampiamente diffusa e che vanta solide tradizioni.



Ad introdurre la serata è stato il neo presidente del Centro storico culturale, Tarcisio Bottani, che ha ricordato come l'iniziativa era nata su proposta dell'ex presidente Felice Riceputi, interessato a far riscoprire l'opera del Traini agli appassionati di musica. Una realtà oggi che, solo in valle, conta ben 1.200 persone, riunite in 42 diverse associazioni bandistiche. Patrocinato dalla Comunità montana Valle Brembana, la pubblicazione dei due volumi è stata possibile grazie ai contributi del Bim, del Creberg Bergamasco, del Lions Club Valle Brembana e dell'Associazione delle bande musicali bergamasche. La serata dedicata al mondo musicale brembano si è poi conclusa con la premiazione della tesi di maturità di Paolo Riceputi di Lenna "La tecnologia e la meccanica nelle campane".



Il prof. Tarcisio Bottani nuovo Presidente del Centro Storico Culturale Valle Brembana

Lo scorso 18 settembre, all'unanimità del Direttivo del Centro Storico Culturale e in sostituzione del compianto Gian Felice Riceputi, è stato eletto nuovo Presidente il prof. Tarcisio Bottani. Tra i fondatori del Centro Storico Culturale, Bottani ha a lungo affiancato con impegno e dinamismo il prof. Riceputi e in qualità di vicepresidente si è occupato in particolare dell'aspetto editoriale e organizzativo, proponendo numerose iniziative culturali.





Centro Storico Culturale Valle Brembana - info@culturabrembana.com - @Valbrembanaweb.com
Perchè abbiamo scelto questo Logo