NOTIZIE SULL’AUTORE OSPITE SPECIALE DEL SANPELLEGRINOFESTIVAL DI POESIA PER E DEI BAMBINI

Pietro Formentini è nato a Bagnolo in Piano (Reggio Emilia, dove ora vive) nel 1937. Laureato in Lingue e letterature straniere, è scrittore di poesie e racconti per ragazzi, dopo essere stato regista di teatro, radio, video. Sempre più spesso impegnato in laboratori e incontri di creatività linguistica e poesia nelle biblioteche, nei circoli culturali, nei teatri, nelle scuole... “I laboratori sono diventati il mio teatro quotidiano, che amo ancora di più poiché non sono costretto a farlo soltanto alla sera alle ore 21, ma posso realizzarlo alla luce del giorno senza gli artifici del palcoscenico: con questo teatro trasferisco ai diversi livelli degli ascoltatori/spettatori/fruitori – in particolare bambini e agazzi - le mie esperienze e ricerche di drammaturgo e regista”. A Reggio Emilia, in collaborazione con il Teatro Municipale,ha diretto il laboratorio di lettura per insegnanti e studenti delle scuole secondarie superiori :"II Teatro delle Pagine", realizzando lo studio e la messa in scena dei seguenti testi:: "II mondo salvato dai ragazzini", un travolgente poemetto di Elsa Morante, "La fine del Titanic" , amaro grottesco poema di H.M. Henzensberger, “Una storia vera “ di Silvio d’Arzo, “P come Pinocchio” , rivisitazione pop-moderna del capolavoro di Collodi, “La crociata degli stupidi bambini” , rievocazione critica della crociata di bambini tedeschi e francesi diretti nel 1200 a liberare il Santo Sepolcro, "Alice nel paese delle smeraviglie" ,”MondiAltriMondi” , copioni originati dal capolavoro di Lewis Carrol e da collages di testi di autori vari. Autore e regista radiofonico di spiccata originalità, vincitore di numerosi premi internazionali, tra cui due Premi Italia, due Prix Monaco, un Premio UER e del Radiomeeting Westdeutschen Rundfunk-Koln. Tra le numerose opere radiofoniche con suoi testi e regie, si ricordano Tarzan’story, RadioMephisto , Robot, Alarm, Fantafilm, quest’ultima concepita e scritta con battute di dialogo in diverse lingue che la rendono opera fruibile a livello internazionale nella versione originale e senza bisogno di traduzione. Nel 2003 ha realizzato a Città del Messico, con suoi testo e regia, la commedia La Gran Ala. Suoi i testi e le regie dei programmi RAI-TV Le Filmastrocche, Piccoli Film, Dire Fare Immaginare Poesia. Per un pubblico di adulti ha scritto e rappresentato in teatro (con regia di V.Puecher) la commedia: Riuscirà il nostro Sancio a diventare Don Chisciotte? Inoltre: Bestia Ridens (commedia cabaret) – Officina Rigoletto (commedia) con sua regia d’autore. Per il teatro-ragazzi ha portato in scena: Storia della casa che voleva cambiar casaCappuccetto Rosso contro Horror FrigoStoria di Pulcinella e Robot nella Città Mondo. Sue sceneggiature e regie, + voce fuori campo dei video di produzione indipendente: Immaginare Pollicino – 1 Km di tela – Parola Mongolfiera - Pianeta Paradox .

Tra le sue opere dirette ai giovani lettori: Poesiafumetto Oplà (Nuove Edizioni Romane, 4° edizione, 2000), C’era c’è e ci sarà (NER, 2003), Parola Mongolfiera (NER, 1993), Polpettine di parole (Salani, 1997), Poesie di Terra e di Mare, ma c'è anche il Cielo (Edicolors, 2000), Grande Mare Piccolo Piccolo (Campanotto, 2003), Storia della Casa che voleva cambiar casa (+ CD, Artebambini, 2007), Storia a colori del Signor Colore (+ CD,ivi, 2008), Mano Manina - Cammina Manina (Panini, 2008). Suoi testi in pubblicazioni di Autori Vari: Il Fiume-La corrente ( in Gocce di Voce , Fatatrac,2006), Mi piace la Pace ( in Pace libera tutti, Unicef,2006) Il Grande Gioco Magico dell’Acqua - C’era una volta l’Acqua (in Acqua bell’acqua,EMI,2007). Di imminente pubblicazione: MiniFilaMaxiStrocche (NER,2010) Presso Biblioteche , Scuole,Associazioni Culturali propone le conferenze-recital: Le Avventure di un Lettore di Pinocchio - Immaginare Don Chisciotte – Quante storie ci sono in una storia? – I laboratori: Leggero Leggero’ – Rapidamente Le Parole Vanno Lente – Dire Fare Poesia Immaginare - Fare Poesia, Fare Immaginazione – Prove Tecniche di Poesia.

Ha pubblicato inoltre:
Diario del minatore sepolto Martin Tiff, Roma, Rai, 1971
Riuscirà il nostro Sancio a diventare Don Chisciotte ? Roma, Compagnia Teatrale Gli Associati, 1972 - La morte dei Fratelli Cervi raccontata dal poeta Majakovskij – radiodramma in versi, testo e regia, Torino, Rai , 1975 Faccia di pollo con 2 cappelli, Guastalla, Ufficio Scuola del Comune di Guastalla, 1992. (i titoli delle pubblicazioni reperibili in Libreria sono sottolineati) Mongolfiere di parole-Quaderno laboratorio per fare poesia a scuola,- (da un laboratorio realizzato per il Comune di Cervia) - Genova, Edicolors, 2000 - Ballata del dire fare poesia immaginare, (lezione in versi sul fare poesia, per : Forum Pedagogico di Reggio Emilia), Comune di Reggio Emilia, 3° Circoscrizione, 2000 Replay – La Formica e l’Elefante – Favolina del Nonno che narrava tante storie : racconti in: E lasciateci fantasticare –Quaderni per l’insegnamento – Centro Didattico Cantonale del Canton Ticino, 2004

Sue più recenti pubblicazioni :
IMMAGINARE POESIA: ALLA RICERCA DI NUOVA SCRITTURA, DENTRO E FUORI LE PAGINE, PER E CON I BAMBINI E I RAGAZZI – saggio sul fare poesia nella Scuola (Edizioni Vita e Pensiero, a cura di Silvia Blezza Picherle - Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università di Verona).

MARINA CHIOCCIOLINA – LUPETTO LUPACCHIOTTO – PRIMAVERA PRIMAVERA – CANZONETTA DEL PICCIONE – LA BASLLATA DI CARNEVALE – PAPPAGALLO PAPPAGALLO:
filastrocche pubblicate in Giulio Coniglio, mensile per bambini , Panini Editore
ALBERI POETICI testi in versi e disegni - Rivista DADA – L’ALBERO - Dicembre 2007. (Artebambini)
CIRCO BUFFO DI BABUFF, versi e disegni nell’inserto della Rivista DADA, GIUGNO 2008 (Artebambini).
Sue collaborazioni ai periodici di letteratura per l’infanzia: Liber – Bambini – La Vita Scolastica – LG Argomenti – Il Giornale dei Bambini

Nel 2009 gli è stato conferito a Pistoia il Premio “Accademia del Ceppo per l’infanzia e l’adolescenza”
«La lingua della poesia di Pietro Formentini è insieme resistenza e creazione, gesto che interrompe e smonta gli automatismi, in particolar modo quelli imposti dal linguaggio impersonale dei tanti strumenti di distrazione di massa, in una tensione immaginativa che può generare e progettare nuove sensibilità e sfide interpretative altre. La lingua dunque come laboratorio d'infanzia, del come incominciare, grazie alle parole, vecchie e nuove, a quello che sono, al senso e al non-senso che generano, per come parlano e come tacciono, per come vivono, muoiono, si trasformano. Le parole delle filastrocche, delle rime e dei versi liberi, dei racconti e delle cronache, del teatro, della radio; le parole della letteratura e le parole di tutti i giorni, le parole di quelli che vedono una mela che “si alza presto dal fondo del mare/ diventa un’arancia che lenta di sera / si addormenta / tra le onde profonde / nel fondo del mare”. (dalla motivazione della poetessa e scrittrice Giusi Quarenghi)

I SUOI LIBRI

Parola Mongolfiera - Pietro Formentini, illustrazioni di Maria Toesca, Nuove Edizioni Romane, 1993.
Intorno all'oggetto-simbolo mongolfiera, 42 poesie correlate tra loro da brevi testi in prosa. Tavole a colori e, in allegato, un poster che mostra i luoghi fantastici sorvolati da Parola Mongolfiera. Abracadabra, Celluloide, Sinforosa, Fantas-Fantas sono i nomi delle mongolfiere di queste pagine. Trasportano parole ammucchiate nelle navicelle, parole che l'estro di Formentini rende protagoniste di rime divertenti e suggestive. Parole per "far saluti, per far due chiacchiere... per far fiorire i dialoghi". Parole inventate in mancanza di parole nuove, parole dette a casaccio, parole ingarbugliate, parole tonde, quadrate o a spigoli; parole che giocano una partita di pallone, le Dure contro le Morbide che quando danno un calcio al pallone sempre gli chiedono scusa, parole rotte, logore, arrugginite, inservibili che devono ricorrere all'Aggiustatore di Parole. Le mongolfiere cariche di parole realizzano il sogno di alzarsi dalla terra e vivere in volo per essere liberi di parlare con parole fantasiose e libere. Poetico, simbolico, "Parola Mongolfiera" è un libro da leggere dall'inizio alla fine o anche da aprire a caso ad ogni sua pagina.

Poesiafumetto Oplà - Pietro Formentini, illustrazioni dell'autore, Nuove Edizioni Romane, 2000.
Una nuvola che è un fumetto, una valigia con la faccia da partenza, tartarughe superlente, berretti volanti, supersceriffi e tante altre cose, giochi di parole e onomatopee, in questa travolgente raccolta di poesie. Pioggia a rovescio, notti nere nere, sogni in nave, città fantastiche, fate e molto altro ancora in una raccolta di 46 tra poesie e filastrocche. Anche qui Formentini gioca con la parola per inseguire pensieri concreti o surreali, paesaggi visti o sognati, situazioni conquistate o perdute nella memoria, sfiorare sensazioni e sentimenti. Il sole che solava, una danza che danza danzava... il nubifragio di provolone, il treno talmente lungo che si mangia la coda, il bambino tatuato con le mezze parole del cestino della cartastraccia, gli animali imbalsamati che escono dal museo e lasciano di stucco i guardiani, la pioggia che sale come lo zampillo di una sorgente, il traffico di pesci, la valigia con la faccia da partenza... L'associazione casuale o estemporanea di parole e concetti ci trasmette un'immagine ottimista della realtà, dove nulla è scontato, appiattito, banale; dove mille sono i segreti nascosti, le facce non viste, i mutamenti possibili. Impariamo, per scoprire il volto degli uomini e la loro anima, a giocare con le parole, facciamoci guidare dai linguaggi suggeriti dai bambini che ne sanno cogliere i segreti e le potenzialità più recondite.

Poesie di terra e di mare (...ma c'è anche il cielo) - Pietro Formentini - illustrazioni di Gianni De Conno, Edicolors , 2000.
Trentaquattro poesie dedicate in parte alla terra, ma soprattutto al mare, alcune delle quali hanno come scenario il mare, la pineta, la piazza, i burattini, gli aquiloni di Cervia. Una rappresentazione con colori e suoni dello straordinario ambiente naturale che fa da sfondo all’esistenza umana..

Polpettine di parole - Pietro Formentini - illustrazioni di Chiara Carrer, Salani, 1997.
Menù della colazione, del pranzo, della merenda, della cena: divise nei quattro principali pasti quotidiani, 35 filastrocche sui cibi condite con giochi di parole. Testo in grandi caratteri, illustrazioni bicolori, notizie sull'autore.

C'era c'è e ci sarà - Pietro Formentini - Nuove Edizioni Romane, 2003.
Il volume raccoglie 60 titoli tra poesie e filastrocche suddivisi in quattro sezioni e che hanno come filo conduttore la fiaba di ieri, i racconti di oggi, le narrazioni di domani. Sono poesie che segnano la maturità artistica dell'autore e sono frutto dell'esperienza fatta direttamente "sul campo" con i bambini e per i bambini.

Grande Mare piccolo piccolo – Pietro Formentini – Campanotto Editore, 2003
Michi e Stellina vogliono inventare e costruire il mare nell’ampio soggiorno della nuova casa dove la famiglia è andata ad abitare. Papà e Mamma restano però insensibili al grande sogno dei figli, dando una nuova e testarda prova di indifferenza e di sottovalutazione degli Adulti nei confronti dei Bambini. Il testo trova i suoi effetti di linguaggio più comici e simpatici nella lunga scena che vede Nichi e Stellina impegnatissimi nella “creazione” del loro fantasioso mare. Il testo, per la situazione proposta e per gli sviluppi della trama, suggerisce indirettamente soluzioni di laboratorio anche teatrale da realizzare seguendo l’impianto del racconto.

Storia della Casa che voleva cambiar casa - Testo, narrazione, regia del laboratorio teatrale di Pietro Formentini + Guida Didattica curata dall’Autore - Illustrazioni di Matteo Gubellini, commento
musicale di Roberto Manuzzi - Edizioni Artebambini, audiolibro con CD, 2007 .
Realizzato con la partecipazione dei Bambini e insegnanti   delle classi 4^ A, B e C  della Scuola Primaria “G. Marconi” di Spilamberto (MO).  E’ una favola moderna che narra di Camilla, piccola casa di una periferia sporca e minacciosa, alla continua ricerca di un posto “umano” dove potersi felicemente ambientare e vivere. Riuscirà Casa Camilla a realizzare questo suo sogno? Una storia da leggere e ascoltare, narrata e recitata dall’autore Pietro Formentini con le voci di bambini, insegnanti, attori, con rime, ritmi, effetti sonori e musiche, invita lettori e ascoltatori a vedere la realtà con i luminosi occhi della fantasia, a provare emozioni con il caldo cuore dell’immaginazione.

Storia a colori del Signor Colore - Pietro Formentini - illustrazioni dell’Autore - Edizioni Artebambini, - audiolibro con cd, 2008.
Un racconto di parole colorate per narrare l’intera giornata di un simpatico protagonista, il Signor Colore, che da mattina a sera fino alla notte cambia colore a seconda degli ambienti in cui viene a trovarsi, delle situazioni di lavoro o di riposo da lui vissute, degli stati d’animo che lo fanno diversamente emozionare. La tavolozza di parole, liriche e ironiche, riflessive e comiche che danno forma alla narrazione, propone a chi legge una continua e divertente invenzione cromatica, sottoponendo sostantivi, aggettivi, verbi agli intrecci e modulazioni di un’immaginazione che fa diventare eccezionale la semplice giornata di una persona semplice, senza far ricorso a magici technicolors, a vernici e tempere, a pennelli o pennarelli. La lettura del testo - registrata sul CD che accompagna il volume - con la regia e la voce dell’Autore e accompagnata dalle musiche a colori di Roberto Manuzzi, offre un esempio di come possa diventare suono e ritmo il cromatismo linguistico suggerito dalla parola scritta. Le stesse illustrazioni di Pietro Formentini indicano alcuni sviluppi figurativi che possono nascere dal testo.


Festival Nazionale di Poesia per e dei bambini - www.culturabrembana.com/sanpellegrinofestival - @Valbrembanaweb.com